Blog

In migliaia da tutto il mondo a Lajatico

LAJATICO. È tempo di bilanci a Lajatico, paese natale di Andrea Bocelli, dopo l’undicesima edizione del Teatro del Silenzio, indissolubilmente legato alla voce del tenore famoso in tutto il mondo. Anche quest’anno il paese è stato trasformato in un “salotto luminoso e verde en plain air”, ideato e diretto da Alberto Bartalini, con la preziosa collaborazione di Gruppo Giardini, Reica Luminarie e Mirabili-Arte d’Abitare. Non sono mancati gli interventi d’arte con le mostre di Marco Lodola , artista peraltro scelto per la scenografia al #TdS edizione 2016, Aleandro Roncarà, la collettiva Contemporary Archetypes (Alex Folla, Giovanni Balderi, Vittoria Regina, Matteo Basilè e Angelo Marinelli) diretta da Matteo Graniti, Mario e Eva Mulas con la Photo Academy (che riprenderà i corsi a breve), Allegoria Interiors (Allegra Santini, Silvia Bigliotto e Maurizio Scarselli) e Venio Santoni. Gli artisti selezionati hanno reso ancora più vivo il centro storico, sia all’aperto che facendo riscoprire vicoli, rimesse, stalle ad oggi sconosciuti e che sono stati al centro degli interventi. In un clima colorato e luminoso si sono così svolte le serate degli eventi collaterali al Teatro del Silenzio, gli Extra2016, con personaggi come il critico Vittorio Sgarbi, che ha raccontato con Padre Enzo Fortunato del Sacro Convento di Assisi l’esperienza innovativa delll’azienda Waste Recycling, la quale attraverso un progetto creativo di riciclo artistico dei materiali collabora con il Teatro del Silenzio ormai da alcuni edizioni realizzando scenografie e i costumi di scena. Poi Red Ronnie storico animatore del Roxy Bar e infine Luca Tommassini, coreografo e ballerino di fama internazionale, che in questa edizione è stato voluto fortemente dal direttore artistico Bartalini, come regista dello spettacolo al Teatro del Silenzio dal titolo “Le Cirque” andato in scena il 30 agosto. Tommassini, con Catena Fiorello, ha partecipato anche con la presentazione del suo ultimo libro “Fattore T”, dedicato al talento.

L’evento del 30 agosto. Al concerto di Andrea Bocelli hanno assistito più di 10mila persone. Titolo dello spettacolo “Le Cirque”, un tripudio di colori e di luci, un mash up fra opera, danza, performers e azioni circensi, il tutto sceneggiato da Alberto Bartalini e sotto la regia di Luca Tommassini. Marco Lodola, sempre insieme a Bartalini, firma la scenografia in mezzo al lago: il primo con un elefante di 9 metri in plexiglass e led, prodotto da Mirabili, il secondo con le “Biancherie” luminose sul muro di travertino, realizzate in collaborazione con Reica Luminarie. Il #TdS si è contraddistinto ancora una volta per fare opera lirica in un modo totalmente nuovo e contemporaneo. Riuscire a portare in un teatro all’aperto migliaia di persone che arrivano da tutto il mondo e che continuano ad arrivare anche quando il programma propone la lirica non era facile. In questo il Teatro del Silenzio è stato un precursore, ormai sono 11 anni che avvicina il grande pubblico. La creatività e la fantasia dell’architetto Bartalini unite alla professionalità artistica di Bocelli sono sempre una carta vincente. Celebrity fight night in Italy. Quest’anno, per la prima volta, Lajatico e il #TdS hanno fatto da cornice anche ad un’altra iniziativa promossa da Andrea Bocelli e dalla sua Fondazione.

Il 9 settembre Bocelli ha aperto la sua residenza al Poggioncino per una serata coloratissima, preceduta da un aperitivo da sogno al Teatro del Silenzio, fra natura e butteri maremmani, per la regia di Alberto Bartalini. Ospiti vip e non solo hanno raggiunto Lajatico, arrivati in prevalenza dagli Stati Uniti, e all’attore Nicolas Cage è stato consegnato l’Andrea Bocelli Humanitarian Award, opera in bronzo di Giuseppe Carta, proveniente dal #TdS 2012 ,quando in mezzo al lago svettava il grande melograno opera dello stesso artista sardo. Dopo undici edizioni si può dire senza timore di smentite che il Teatro del Silenzio richiama turisti stranieri per tutta l’estate. I dati sui flussi turistici, come spiega il sindaco, Alessio Barbafieri, si conosceranno nelle prossime settimane. Ma le prime stime sono più che positive e anche in queste settimane le strutture ricettive continuano a registrare ottime presenze. Ed era proprio nelle intenzioni degli amministratori cercare di promuovere il territorio e la sua cultura. L’edizione 2017. Se i riflettori sull’edizione di quest’anno stanno per spegnersi con i primi bilanci, con largo anticipo rispetto al passato, è stata decisa la data della prossima edizione che si svolgerà il 3 agosto, ma ancora la direzione artistica sta valutando il tema, a chi affidare l’opera che farà da scenografia e la regia dello spettacolo. E’ già iniziata la prevendita dei biglietti con il solito entusiasmo da parte del pubblico che ha già cominciato a scegliere i posti per non perdersi l’evento dell’estate. Se è tempo di bilanci lo è anche per i ringraziamenti. Il Teatro del Silenzio significa anche portare migliaia di persone in un paese che conta poco più di mille anime. Operazione possibile grazie anche alla Banca Popolare di Lajatico che da sempre promuove la cultura e l’arte di Lajatico, che sostiene (ormai fin dal primo giorno) il Teatro del Silenzio ed rivelandosi una partnership fondamentale e preziosa; l’amministrazione comunale con il sindaco Alessio Barbafieri,

che presiede anche l’associazione del #TdS e City Sound Milano che produce interamente lo spettacolo. Un ringraziamento va a anche a tutta Lajatico con i suoi abitanti e a tutti coloro che partecipano ogni anno per rendere questo paese ed evento unici nel mondo.

Did you like this? Share it!

0 comments on “In migliaia da tutto il mondo a Lajatico

Leave Comment